1957 : Con l’Enciclica « Fidei Donum » il Papa Pio XII chiama i cattolici ad una mobilitazione per la diffuzione della fede nel mondo. I monaci rispondono con entusiasmo a questo appello.


1959 : Il Congresso degli Abati Benedettini propone la creazione di un centro d’informazione e di coordinamento per implantare la vita monastica nei paesi di missione. L’Abate Primato Benno Gut promuove la creazione di un Segretariato. Dom Tholens, Abate di Slangenburg, Dom Guesquiere, Abate di Zevenkerken (Bruges) e l’Abate de Floris studiano insieme il progetto. L’Abate de Floris si stabilisce a Vanves, nel Priorato di Santa Bathilde, per creare con Sor Maura Esquerré gli inizi di un Segretariato.


1961 : L’Abate Primato fonda officialmente il Segretariato delle missioni con il nome « Aide à l’Implantation monastique ». Il progetto s’inizia a Ligugé in occasione della festa di San Martino. Dom Sortais OCSO, Abate Generale dei Cisterciensi, supporta il progetto. Il 15 dicembre viene creata una associazione di diritto francese a sostegno giuridico del Segretariato controllata da un Consiglio di gestione. Si racccolgono donazioni in favore delle fondazioni africane e nasce l’idea del bollettino. Nel 1962 il Sinodo degli Abati Presidenti permette l’esistenza dell’AIM fino al prossimo Congresso degli Abati del 1966.


1964 : Un incontro monastico panafricano si svolge a Bouake (Costa d’Avorio).


1966 : Il Congresso degli Abati approva l’esistenza del Segretariato dell’AIM creato per l’Africa ed  estende la sua azione all’America Latina e all’Asia. Un anno dopo Sor Pia Valeri OSB prende il posto di Sor Maura Esquerré. Dom Paul Gordan OSB, Segretario Generale della Confederazione Benedettina, entra a far parte del Consiglio di gestione dell’AIM. Anche i Cisterciensi della Stretta Osservanza sono rappresentati da un delegato dell’Abate Generale.


1968 : Primo incontro monastico panasiatico a Bangkok (Taïlandia). Un anno dopo il Bollettino viene pubblicato in inglese. In Francia dei laici creano un’associazione di sostegno all’AIM.


1972 : A Rio de Janeiro si svolge un incontro monastico latino americano. Un anno dopo segue un secondo incontro panasiatico a Bangalore (India). Viene creato un segretariato dell’AIM  negli Stati Uniti.

1974 : Va crescendo l’interesse dell’AIM per il Dialogo Interreligioso Monastico (DIM).

1975 : Un secondo incontro monastico latino americano si svolge a Bogotà (Colombia).

1976 : L’AIM diventa « Aide Inter Monastères ».

1978, Negli USA ed a Parigi si svolgono incontri sul Dialogo Interreligioso Monastico.


1979-1980 : Successivamente si tengono due incontri monastici internazionali : il primo a Abidjan (Costa d’Avorio), il secondo a Kandy (Sri-Lanka).


1982 : P. Marie-Bernard de Soos OSB succede all’Abate de Floris. L’AIM si dota di un regolamento interno che conferma la sua organizzazione, il suo obbiettivo, le sue attività e la sua relazione con la Confederazione Benedettina e gli Ordini Cisterciensi. Il Bollettino viene pubblicato in versione spagnola.


1984 : Nel Segretariato dell’AIM Sor Thérèse Rodrigues OSB succede a Sor Pia Valeri. Lei stessa viene sostituita da Sor Alma Pedri nel 1996. Nel 1997 una laica, Mme Mazzoni, succede a Sor Alma Pedri.


1994 : Il Dialogo Interreligioso Monastico è costituito organismo autonomo e P. Pierre de Béthune OSB ne è Segretario Generale fino al 2007, anno in cui P. William Skudlarek OSB gli succede. Esiste un collegamento tra l’AIM e il DIM nelle pubblicazioni e gli inviti reciproci alle reunioni annuali.


1997 : Dopo le demissioni di P. Bernard de Soos, l’Abate Primate Marcel Rooney, con l’aiuto di alcuni membri, ristruttura l’AIM per meglio adattarla e affermarla nel suo servizio internazionale. P. Martin Neyt OSB viene nominato Presidente dell’AIM e rende conto a un Consiglio che si riunisce una volta all’anno. Alcuni membri rappresentativi degli Ordini costituiscono il Comitato esecutivo che segue le attività e si riunisce due volte all’anno, soprattutto per la distribuzione dei fondi. P. Jacques Côté OSB viene nominato Segretario Generale con sede a Roma. L’AIM diventa « Alliance Inter Monastères ». Si accentuano gli scambi  tra i continenti.


2001 : Sor Gisela Happ OSB inizia il suo lavoro al Segretariato dell’AIM a Vanves. Un anno dopo diventa Segretaria Generale. Vanves diventa definitivamente il Centro Internazionale dell’AIM, negli edifici del Priorato Santa Bathilde. En 2004 un nuovo regolamento interno conferma i cambiamenti nelle strutture messe in atto en 1997.


2006 : L’AIM crea un « studium » a Vanves, nel seno del Priorato Santa Bathilde, per accogliere le giovani benedettine e cisterciensi venute dall’Africa, dall’America Latina e dall’Asia per continuare gli studi a Parigi.

 

2007 : Le Bulletin de l’AIM paraît en langue portugaise au Brésil.

 

2013 : Dom Jean-Pierre Longeat, abbé émérite de l'abbaye de Ligugé (France), devient président de l'AIM.

 

2016 : Le Bulletin de l'AIM paraît en langue allemande. Au mois de juin de cette même année, le studium Jean XXIII, abrité dans les bâtiments du prieuré Sainte-Bathilde et géré par l'AIM, est fermé.

 

2017 : Sœur Christine Conrath, osb, devient la Secrétaire générale.

 

L’AIM è al servizio di più di 450 comunità sparse nel mondo. Dopo l’appello di Papa Pio XII nel 1957, si è avuta una crescita costante di nuove fondazioni. Purtroppo il numero di monaci, monache e suore in molti grandi comunità è diminuito.

 

Utilisateurs connectés

Abbiamo 77 visitatori e nessun utente online